CALCOLA IL TEMPO DI RITORNO SULL’INVESTIMENTO DI IES

L’uso di IES e IES PLUS permette di raggiungere e mantenere una costante qualità del prodotto gestendo il set point della temperatura della billetta all’uscita del forno e la velocità di estrusione della pressa, di incrementare sensibilmente la produzione e ridurre gli scarti.

Principali vantaggi

  • Andamento della temperatura del profilo costante (Estrusione Isotermica)
  • Ottimizzazione della pressione di picco e il tempo di breakthrough
  • Aumento velocità di estrusione
  • Riduzione del tempo di estrusione
  • Minore temperatura di estrusione billetta

IES e IES PLUS possono essere integrati in ogni tipo di impianto grazie alla facile installazione ed al semplice uso, senza necessità di fermo macchina.

IES e IES PLUS si interfacciano perfettamente con gli equipaggiamenti esistenti del cliente, contribuendo a massimizzare il risultato della produzione e i livelli di qualità utilizzando al meglio le risorse della pressa.

MASSIMIZZAZIONE BREAKTHROUGH, QUALITÀ E PRODUTTIVITÀ

•Incremento Velocità Pressa 10-20%.
•Miglioramento della qualità del prodotto con una migliore qualità superficiale, diminuzione dei difetti e riduzione degli scarti.
•Performance più rilevanti con qualsiasi operatore grazie ad una ripetibilità dell’utilizzo dei migliori parametri di lavoro (Best Practice Standard).

CONTROLLO CLOSE LOOP

Ottimizza automaticamente la temperatura della billetta e del profilo all’uscita della pressa per aumentare la velocità e assicurare l’alta qualità del prodotto.

REPORT DI PROCESSO E PRODUZIONE

Dettagliati per supportare tecnici e manager nelle decisioni per il miglioramento di processo.

 

 

SHOWCASE

Performance Uniche con il sistema IES

Confronto lavoro in Manuale e in Automatico con IES

Confronto di un’estrusione di una matrice in condizioni normali e con l’utilizzo di IES in automatico.
In Manuale, senza controlli attivi, il forno restituisce la billetta 6 molto calda.
L’alta temperatura permette un’estrusione più veloce, ma penalizza la qualità: il picco alto di temperatura si riflette sul profilo, generando scarto.
In Automatico, con IES attivato, il forno manda la billetta 14 con una temperatura più lta del normale, IES reagisce immediatamente rallentando l’estrusione e mantenendo la temperatura del profilo estruso prossima alla temperatura del set, salvaguardando la qualità del profilo.
Alla fine dei test comparativi, IES in automatico riduce il tempo di estrusione del 17%, mantenendo l’alto standard di qualità richiesto, riducendo gli scarti e reagendo attivamente agli scompensi peculiari di questo impianto.

Controlli Automatici e Offset

CONTROLLO AUTOMATICO TEMPERATURA BILLETTA
Offset per la temperatura nella zona finale del Forno Billette. Per forni con riscaldo conico sono a disposizione due correzioni (una per la testa e una per la coda).

CONTROLLO AUTOMATICO VELOCITÀ ESTRUSIONE DINAMICA
Offset calcolato per la velocità in modo da mantenere la temperatura ottimale all'uscita della pressa e la applica di continuo mentre la pressa lavora.
CONTROLLO AUTOMATICO VELOCITÀ STEP (BILLETTA PER BILLETTA)
Offset ottimale calcolato applicato alla velocità iniziale della pressa all'utilizzo di una
billetta con lo stesso codice matrice.
In modo manuale, la pressa lavora con gli stessi controlli di oggi, mentre in modo automatico, IES applica continui aggiustamenti.
L’operatore può scegliere in ogni momento il tipo di gestione dell’estrusione per poter sfruttare al meglio la potenza della pressa.
Il risultato finale si traduce in una migliore gestione energetica con notevoli risparmi, aumento della velocità di produzione e quindi di produttività e un sensibile apprezzamento della qualità del materiale estruso.
Dove è presente, il raffreddamento delle matrici con azoto liquido viene gestito qui.

Gestione Ordini e Matrice

La gestione degli ordini e l’estrusione isotermica si incontrano in IES PLUS. Fondato su un unico database SQL, IES PLUS tiene traccia di tutti i dati relativi alla produzione, quindi alla matrice, e dell’ordine associato. La programmazione della produzione, le ricette matrice, e la tracciabilità dell’ordine sono ciò che lo distingue da IES nella sua versione standard.

Dati Ordine e Matrice

Dettagliata analisi dei dati di produzione

Report

Calcolo resa kg/h per billetta e per ordine

FAQ

IES significa ‘Estrusione Isotermica SAI’

IES è un sistema composto da sensori e software che controlla la velocità del cilindro e la temperatura della billetta in modo da mantenere costante la temperature di uscita. Come un pilota automatico in un auto stabilizza la velocità, IES è un pilota automatico per la pressa e stabilizza la temperatura di uscita.

Per ottenere qualità affidabile del prodotto è necessario mantenere costante la temperature di uscita. Le proprietà meccaniche non sono garantite se il profilo è troppo freddo. Difetti superficiali possono apparire se il profilo è troppo caldo.

IES riceve continuamente informazioni dalla pressa circa l’attuale temperatura di uscita e pressione della pressa. Il sistema calcola il tempo necessario alla pressione per arrivare dalla pressione di break throught a 4 bar.

  • Durante le prime tre billette dopo un cambio matrice, la pressa viene azionata dall’operatore pressa, come al solito: si determina la velocità del cilindro e la temperatura della billetta.
  • Durante l’estrusione della 3 ° billetta, IES monitora la temperatura di uscita e seleziona la massima temperatura misurata (più 2 ° C) come target di temperatura di uscita.
  • A partire dalla 4° billetta IES cerca di mantenere la temperatura di uscita alla temperatura desiderata. Se la temperatura effettiva è inferiore al target, IES aumenta la velocità del cilindro. Se la temperatura di uscita. è superiore all’obiettivo, IES diminuisce la velocità del cilindro. In questo modo IES cambia la velocità durante l’estrusione della billetta (‘controllo dinamico della velocità’)
  • Al termine di ogni billetta IES calcola in che percentuale media la velocità nell’ultima billetta è stata cambiata. Questo offset medio dinamico determina la velocità di base per la prossima billetta. In questo modo la velocità di base cambia da billetta a billetta (‘controllo di velocità step’)
  • Alla fine di ogni billetta IES calcola se la pressione di Break Throught era al massimo per la pressa e quanto tempo ci ha messo a scendere a 4 bar. Se il max. pressione pressa non è stato raggiunto o solo per meno di 3 secondi IES diminuisce la temperatura della testa della billetta per la prossima billetta chiamata. Se il max. pressione pressa è stato raggiunto ma ci sono voluti più di 8 secondi alla pressione per scendere a 4bar, la temperatura della testa della billetta viene aumentata per la prossima billetta chiamata.
  • Al termine di ogni billetta IES calcola se la velocità di uscita è stata mantenuta costante durante l’ultima estrusione. Se la velocità doveva essere ridotta durante l’estrusione (al fine di mantenere la temperatura di uscita costante), IES riduce la temperatura della coda della prossima billetta chiamata. Se la velocità di uscita è stata aumentata durante l’estrusione, ma la temperatura di uscita era ancora troppo fredda, IES aumenta la temperatura della coda per la prossima billetta chiamata.

La corretta temperatura target è attualmente sconosciuta. In ogni caso è a seconda del prodotto. Dovrebbe essere sempre tra 540 ° C e 580 ° C. Sotto 540 ° C le proprietà meccaniche non sono garantite, sopra i 580 ° C il rischio di difetti superficiali è molto alto. Iniziare con una temperatura media e osservare la qualità della superficie. Il punto più caldo può essere situato all’interno o sotto il profilo, quindi inaccessibile per la misura della temperatura.

  • Se la temperatura rilevata alla 4a billetta è evidentemente troppo bassa o troppo alta, modificarla manualmente ad un valore ragionevole.
  • Lasciare che IES aumenti la velocità della pressa in accordo con il target temperatura attuale.
  • È possibile modificare la temperatura desiderata manualmente in qualsiasi momento. Più alta è la temperatura target più velocemente IES cercherà di estrudere. Controllare la qualità superficiale (all’esterno e all’interno del profilo) immediatamente dopo l’estrusione con temperature più elevate.
  • Anche un leggero aumento della temperatura target si tradurrà in un notevole aumento della velocità.
  • Verificare se IES raggiunge la temperatura desiderata. IES aumenta (e diminuisce) la velocità del cilindro solo entro i limiti indicati. E ‘possibile che IES non raggiunga la temperatura desiderata anche aumentando diminuendo al massimo la velocità. In questo caso si dovrebbe concedere un offset di velocità più grande, o manualmente spostare il sensore per raggiungere il punto in cui la temperatura e l’emissività sono entrambi entro i valori accettabili. Tutte le matrici dello stesso prodotto dovrebbero essere estruse alla stessa temperatura.Tutte le matrici della stessa famiglia dovrebbero essere controllate e verificare se possono essere estruse alla stessa temperatura.

No. IES salva il target temperatura attuale dell’ultimo ordine per ogni matrice e lo recupera all’inizio di un nuovo ordine. Ma con il 3 ° billetta del nuovo ordine, IES acquisisce la temperatura effettiva e sovrascrive il valore caricato dal database.

L’operatore alla pressa è in grado di determinare quanto IES può cambiare velocità del cilindro e la temperatura della billetta con gli offset.

L’offset 5 + 5 sul controllo della velocità sono espressi in percentuale e rendono + -10%.
Gli offset 10 + 30 riferiti alla temperatura billetta sono espressi in ° C e producono + -10 ° C per la testa e + -30 ° C per la coda della billetta

Il controllo della velocità dinamica IES cambia la velocità durante l’estrusione di una billetta sulla velocità di base. Il controllo della velocità step, IES cambia la velocità da billetta a billetta. Con il controllo dinamico della velocità IES compensa differenze termiche. Con il controllo della velocità step, IES guadagna in velocità generale.

No. Il controllo della velocità dinamico non deve essere inferiore al 5%, al fine di garantire a IES la possibilità di bilanciare le temperature. Il controllo step si aggiunge alla velocità base di IES e varia le velocità. Qui, uno zero può avere ragione d’essere nel caso in cui sia necessario limitare la velocità. Nel caso non ci sia alcun limite di velocità si può lavorare anche con il 20% con entrambi gli offset.

Se la temperatura di uscita per qualsiasi motivo è troppo alta, IES deve poter diminuire lentamente la temperatura di uscita ed evitare strappi o altri difetti superficiali. Se si limita l’offset dinamico a 2%, IES non sarà in grado di rallentare in caso di emergenza. IES estrude lentamente solo se la temperatura di uscita è più calda della temperatura settata. Pertanto, si dovrebbe sempre prestare attenzione ad una corretta regolazione della temperatura settata.

Se il tempo di inattività è apparso durante

  • la spinta della billetta, il comportamento di IES non cambia;
  • il cambio billetta, IES non utilizzerà le informazioni su pressione e tempo per il controllo della temperatura della prossima billetta

Si deve controllare la temperatura di uscita dal raffreddamento e verificare che questa temperatura e il tasso di raffreddamento sia adeguato al profilo. Se IES aumenta la velocità, il tasso di raffreddamento diminuisce. Si dovrà adattare l’impostazione di raffreddamento o limitare la velocità di estrusione, se necessario.

IES può essere equipaggiato con ulteriori sensori termici per rilevare le temperature di dopo il raffreddamento e per calcolare i tassi raffreddamento. In questo caso IES determina automaticamente se un aumento di velocità è fattibile.

È sempre possibile fissare un limite alla velocità

  • impostare il controllo della velocità dinamica al 5%
  • spegnere entrambi i controlli della velocità
  • impostare la velocità al 5% al di sotto della velocità target (9,5 millimetri/s in questo caso)
  • attivare solo il controllo dinamico della velocità

IES ora aumenterà la velocità cilindro del 5% rispetto alla velocità di set raggiungendo 10 mm/s. Allo stesso tempo, IES può diminuire del 5% della velocità di set se necessario.

Nota importante: se l’introduzione del limite di velocità è causata dalla matrice, si prega di fornire al reparto matrici un campione di buona e cattiva qualità etichettato con la velocità impiegata, le informazioni del prodotto e della matrice e chiedere al reparto matrici di correggere la matrice considerando la velocità superiore.

In un crash totale (ad esempio il computer di IES -PC è spendo, il software è chiuso), IES si spegne automaticamente e la pressa si comporta se non ci fosse mai stato un IES che significa tutti i settaggi sono regolarmente disponibili sul pannello operatore.

Nessun software è esente da problemi di funzionamento. Eppure a volte potrebbe sembrare un malfunzionamento, ma è in realtà semplicemente sta facendo quello che gli è stato detto. E’ il compito dell’operatore alla pressa assicurarsi del corretto funzionamento di IES controllando se

  • il sensore sta puntando correttamente il profilo e quindi rileva una temperatura corretta. In caso di disallineamento si dovrebbe posizionare manualmente il sensore.
  • la temperatura target acquisita a 3 billetta è un valore ragionevole. In caso di valori inattendibili è possibile modificare il valore in qualsiasi momento.
  • IES raggiunge la temperatura target e la mantiene costante. Se questo non è il caso è possibile aumentare i limiti o scegliere una velocità di base diversa dal pannello della pressa.

In questo momento IES non è programmato in modo specifico per estrusione a più billette. IES noterà che il tempo di break throught e la pressione variano da billetta a billetta. IES farà una media mobile dei valori adattato continuamente alle billette successive e tenderà ad impostare la velocità step e la temperatura della billetta ad un valore medio.

Il controllo dinamico della velocità reagirà in ogni caso. La billetta breve sarà presumibilmente un po ‘troppo caldo quindi verrà rallentata oltre quello che sarebbe realizzabile se la billetta breve fosse fredda come dovrebbe essere. La billetta lunga potrà essere un pò troppo freddo e quindi iniziare lenta. L’estrusione di billette multiple è possibile con IES; tuttavia potrebbe essere ragionevole mantenere la temperatura della billetta incontrollata per la billetta lunga.

Attualmente IES non può sapere di un futuro cambio matrice, quindi mantiene il controllo della temperatura della billetta. Una volta che l’ultima billetta di un ordine viene chiamata è necessario disattivare il controllo della temperatura della billetta. Dopo la 3° billetta dell’ordine successivo, IES si attiverà automaticamente. Si prevede di implementare questa funzione in IES.

Quando si cambia la posizione del sensore, la lettura della temperatura cambia e IES gestirà la pressa utilizzando il valore rilevato cambiando la velocità del cilindro. Per evitare questo è necessario disattivare entrambi i controlli di velocità e riattivarli quando il posizionamento del sensore è terminato.

NEW RELEASE: Al termine del allineamento manuale, automaticamente IES fa un Autocapture e imposta la nuova temperatura target.

IES cambia la temperatura billetta e la velocità entro gli offset impostati. Se si osserva che IES utilizza tutto l’offset, eventualmente si può

  • ampliare il limite di offset oppure
  • impostare la temperatura target desiderata e fare un nuovo Autocapture (disattivare / attivare)

 

Qualsiasi oggetto caldo irradia energia (più sono caldi, con maggiore intensità, e in base al materiale, più o meno emissività) . L’alluminio irradia solo una piccola quantità della sua energia (è per questo che non si avverte il calore essendo in prossimità dell’alluminio caldo a mani nude – a differenza dell’acciaio). Il sensore termico misura l’intensità ed emissività dell’oggetto che sta puntando e riconosce se l’oggetto è alluminio in quanto i valori sono all’interno di un intervallo proprio del materiale.

  • La prima volta che una matrice viene estrusa con IES, il sensore è posizionato al centro. All’inizio della 2° billetta il sensore scansiona da un lato all’altro e si ritorna al punto di lettura ottimale, misurata sulla superficie di alluminio, dove la temperatura ed emissività sono corrette e all’interno dell’intervallo accettato per l’alluminio. Questa posizione viene mantenuta fino alla fine dell’estrusione a meno di un nuovo riposizionamento (automatico o manuale) e viene salvata nel database.
  • Se una matrice è già stata estrusa con IES, il sensore si muove automaticamente nella posizione salvata.

 

Se la temperatura letta dal sensore non è plausibile, il controllo di IES non si attiva, anche se i pulsanti sono verdi. Se il sensore non legge il segnale per un periodo di tempo più lungo, automaticamente si riavvia la scansione alla ricerca di un punto di lettura migliore – ma solo se è attivo il puntamento automatico.

IES rileva che il segnale è stato perso durante un tempo di fermo macchina. In questo caso non avvierà una nuova scansione, ma rimane dove si trova, mantenendo inalterate tutte le impostazioni.

 

Il posizionamento ideale del sensore è cruciale per IES per il corretto controllo della pressa:

  • Il punto rosso deve essere posizionato sul profilo. Tuttavia, il punto rosso non misura nulla, mostra solo dove la misurazione avviene. La zona di lettura è di circa 20 mm di diametro e il puntino rosso è al centro.
  • La lettura dovrebbe avvenire nella posizione più calda accessibile.
  • La lettura dovrebbe essere esente da riflessioni: L’alluminio irradia luce (invisibile agli occhi). Se un profilo ha una cavità aperta come una ‘U’, la misurazione non deve avvenire all’interno della cavità aperta in cui le pareti laterali possono riflettere verso il sensore. Se la matrice ha più luci, la lettura dovrebbe avvenire sulle uscite più alte.
  • La lettura dovrebbe avvenire in una posizione affidabile anche in caso di movimento laterale del profilo – ad esempio non troppo vicino al bordo.

 

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

guarda le nostre presentazioni